Deutsch
English
Italiano
L’arte di Mus-e alla cena di beneficenza
L’arte di Mus-e alla cena di beneficenza

 

È stata una cena particolare quella che si è svolta venerdì scorso a Villa Lattanzi a favore del progetto Mus-e, perché tutti i presenti, ed erano tanti, hanno potuto sperimentare le modalità didattiche dei laboratori che l'associazione onlus gestisce in diverse scuole del territorio. Gli esperti artisti di Mus-e hanno guidato i partecipanti nel mondo dello stop motion invitandoli a prestare il loro volto ad espressioni buffe e divertenti che sono state fotografate. Nella sala da pranzo due enormi tele hanno invece raccolto le emozioni dei presenti sotto forma di colori e segni differenti. Infine si è costruita una sorta di colonna sonora con una improvvisata banda musicale che ha accompagnato il video finale realizzato e riprodotto a fine cena tra la sorpresa compiaciuta e divertita degli ospiti divenuti protagonisti della performance artistica.

“Abbiamo voluto che i nostri amici percepissero cosa si può fare durante le lezioni Mus-e” sottolinea Enrico Paniccià, presidente di Mus-e del Fermano. “I bambini abbattono tutti i tipi di barriere attraverso l'arte. Noi adulti, durante la cena, abbiamo cercato di ripercorrere la loro stessa esperienza.” Il ricavato della cena di beneficenza consentirà a Mus-e di far partire nuove classi sul territorio. “Un impegno difficile cui non ci sottraiamo” prosegue Paniccià “perché siamo convinti della bontà di questo progetto anche alla luce delle richieste che continuano ad arrivare dalle scuole.”

Lo scorso anno sono stati circa 300 gli alunni delle scuole elementari del fermano che hanno potuto usufruire del progetto Mus-e, un percorso triennale completamente gratuito per le classi dove più forte è la presenza di bambini stranieri. In Italia il progetto coinvolge circa 13.000 bambini ed altrettante famiglie, “numeri importanti, grazie a realtà come Torino, Genova, Roma dove il tema integrazione ha un'enorme rilevanza sociale” precisa la coordinatrice nazionale di Mus-e Italia, Rita Costato, presente alla cena. “Tuttavia è alle realtà più piccole che dedichiamo una attenzione particolare. L'associazione Mus-e del Fermano è una delle più dinamiche a livello nazionale e per questo, insieme a Lorenza Dellepiane, segretaria nazionale di Mus-e Italia, e Silvana Perron Cabus, fondatrice di Mus-e Italia e coordinatrice di Mus-e Roma, abbiamo deciso di partecipare a questa bellissima cena testimoniando la nostra vicinanza ed il riconoscimento per il lavoro sin qui svolto dal presidente Paniccià e dal coordinatore Carlo Pagliacci.”

Nel Fermano i comuni coinvolti dal progetto sono Fermo, Porto Sant'Elpidio, Monte Urano, Montegiorgio, Torre San Patrizio. “A gennaio partiremo anche a Sant'Elpidio a Mare, con la scuola di Casette” aggiunge Paniccià “e tutto questo grazie al sostegno che continuiamo a trovare presso imprese, professionisti, semplici cittadini che, con noi, condividono il sogno di un futuro migliore e più solidale per le generazioni che verranno.”

 

La Martina
Harmont&Blaine
Italian Heritage
GIANO SRL - VIA UMBERTO INTORBIDA 13 - 63814 TORRE SAN PATRIZIO (FM) ITALY - T +39 0734 510489 - Fax +39 0734 514002 - P.I. IT00733460448 - info@giano.eu